The VICE Channels

      Spiacenti, la mafia non 'protegge' l'Italia dallo Stato Islamico

      Spiacenti, la mafia non 'protegge' l'Italia dallo Stato Islamico Spiacenti, la mafia non 'protegge' l'Italia dallo Stato Islamico Spiacenti, la mafia non 'protegge' l'Italia dallo Stato Islamico
      Still dal documentario di VICE News "Lo Stato Islamico"

      Italia

      Spiacenti, la mafia non 'protegge' l'Italia dallo Stato Islamico

      Di Leonardo Bianchi

      Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

      Da una settimana a questa parte, nel dibattito pubblico ha preso piede una bizzarra teoria: quella per cui l'Italia sarebbe al riparo da attentati terroristici perché protetta dalla mafia.

      Proprio in questi giorni, infatti, un paio di articoli dello scorso gennaio sono stati ampiamente rilanciati e condivisi sui social—in particolare il pezzo di Libero "L'Isis teme solo la mafia. Ecco perché il Sud non è a rischio" e un'intervista de Il Giornale ad una "fonte dell'anti-terrorismo," per la quale "il Sud è paradossalmente meno esposto" per la presenza di "mafia e malavita" che "sorveglia o addirittura gestisce il territorio."

      Una simile tesi è stata avanzata – appena tre giorni fa – anche da un "ex agente dei servizi segreti" a Panorama. "Potenziali attentati potrebbero essere portati a segno solo da Napoli in su," sostiene questo ex agente. "Dal capoluogo partenopeo in giù la presenza delle organizzazioni criminali che controllano il territorio non permettono la permeabilità dei terroristi nelle loro zone."

      Per non farsi mancare nulla, dopo gli attentati di Parigi è tornata a circolare la bufala secondo cui Totò Riina avrebbe chiesto di essere scarcerato per "combattere IS," con tanto di dichiarazione inventata di sana pianta: "Dal carcere è difficile comandare, si dice che nessuno c'è mai riuscito, ma Totò Riina è Totò Riina. Fatemi uscire e caccerò via questa gentaglia dal nostro territorio."

      Falsità a parte, comunque, il tema si è imposto anche all'attenzione della politica. Claudio Fava, vicepresidente della commissione parlamentare antimafia, ha dichiarato di non essere stupito dall'eventualità che "la Sicilia possa essere considerata fuori dal rischio di infiltrazioni dello Stato Islamico per la presenza della mafia," pur concedendo che questo tipo di terrorismo è "talmente liquido" che "non ha alcuna possibilità di prevedibilità."

      Ma per il professore Enzo Ciconte – autore di numerosi saggi e considerato uno dei massimi esperti di criminalità organizzata in Italia – questa teoria è del tutto "strampalata."

      "La criminalità organizzata non controlla il terroritorio italiano," spiega Ciconte a VICE News, "e non controlla il territorio di nessuna regione. Controlla solo pezzi di territori: la mafia non controlla tutta la Sicilia; la 'ndrangheta non controlla tutta la Calabria; e la camorra non controlla tutta la Campania."

      In più, continua il docente, l'idea che vuole "le organizzazioni mafiose a governare intere regioni è vecchia e sbagliata. Non è mai stato così, nemmeno quando la mafia è stata al massimo della sua potenza."

      "La mafia non controlla il terroritorio italiano e non controlla il territorio di nessuna regione. Controlla solo pezzi di territori."

      Ragionando da una prospettiva storica sulla presunta impermeabilità delle regioni meridionali, il deputato Claudio Fava ha anche aggiunto che "in Sicilia non c'è mai stato l'insediamento del terrorismo," e che "l'unica volta che Prima Linea provò a posizionare una sua base operativa alle porte di Catania fu intercettata e sgominata in sei ore."

      Questa lettura del fenomeno, tuttavia, è stata fortemente criticata dallo storico Salvatore Lupo, che ha spiegato come in alcune regione del Sud "non ci fu terrorismo non perché c'era la mafia, ma perché [...] mancavano le ideologie politiche diffuse e la società era molto diversa rispetto al Nord."

      Anche Enzo Ciconte rigetta con forza questo parallelismo. "Che la mafia e la 'ndrangheta abbiano avuto rapporti con l'eversione – sia di destra che di sinistra – è un fatto acclarato."

      "Basti pensare alla partecipazione di mafia e 'ndrangheta nel golpe Borghese del 1970, che poi non si è mai fatto," sottolinea Ciconte. "Oppure ai rapporti della 'ndrangheta con uomini della destra eversiva come Franco Freda; o ancora, ai rapporti con la banda della Magliana, e così via."

      Ma tutto ciò, puntualizza il professore a VICE News, "non ha nulla a che vedere con la questione di cui stiamo parlando adesso—sono cose completamente diverse: quello è un mondo finito, che non c'è più."

      In realtà, se proprio si deve accostare in qualche modo la criminalità organizzata italiana al terrorismo internazionale contemporeaneo, allora si dovrebbe parlare di una possibile "convergenza" nel campo dei traffici criminali o in determinati interessi economici.

      Già nel 2004, ad esempio, l'allora procuratore nazionale antimafia Pier Luigi Vigna avvertì che potevano esserci "legami" tra "gruppi che defininiamo di criminalità mafiosa" e i "terroristi islamici." Nei cablogrammi del Dipartimento di Stato americano – pubblicati nel 2010 da Wikileaks – si evidenziava come le tre mafie italiane potessero "aiutare gruppi terroristici in Colombia e Afghanistan attraverso il traffico di droga."

      In un'intervista a Linkiesta di pochi giorni fa, il procuratore di Reggio Calabria Federico Cafiero de Raho ha detto che – pur non emergendo al momento "collegamenti tra 'ndrangheta e terroristi" – "il terrorismo internazionale troverebbe nella 'ndrangheta un alleato particolarmente utile, sia per le coperture dal punto di vista territoriale sia per il tornaconto che la stessa 'ndrangheta potrebbe avere per le forniture di droga e armi."

      Su quest'ultimo punto, una recente inchiesta della DDA di Napoli ha portato alla luce un traffico di armi "destinate a Paesi africani dove sono in corso conflitti." Nel corso delle indagini, riportano le cronache, sarebbe anche emerso "il coinvolgimento della camorra, in particolare il clan dei Casalesi" e "contatti con ambienti del terrorismo internazionale."

      Insomma, la propagazione di questa credenza ha probabilmente a che fare più con la psicosi e la necessità di sentirsi al sicuro dopo gli attentati di Parigi, che con la realtà concreta. Il punto è che un'operazione del genere presenta non poche controindicazioni—soprattutto in termini di "esaltazione" della criminalità organizzata.

      "Oltre a rispondere a una visione sbagliata della criminalità organizzata, immaginare le mafie con una potenza enorme - o ingigantirne la potenza - è un regalo a queste organizzazioni," sostiene Ciconte.

      E portate fino in fondo, inoltre, le implicazioni di questa "teoria" della mafia che protegge l'Italia da IS sarebbero davvero grottesche. "Se questa tesi fosse vera," conclude il docente, "chi la sostiene deve essere conseguente, e chiedere di convocare i capimafia al Viminale."


      Segui VICE News Italia su su Twitter e su Facebook
      Segui Leonardo su Twitter: @captblicero

      Argomenti: isis, is, stato islamico, italia, mafia, guerra, guerra e conflitti, opinioni, gli attentati di parigi, ndrangheta, camorra, cosa nostra

      Comments

      comments powered by Disqus

      Ultime notizie

      Altre News

      Features